giovedì 11 febbraio 2016

Vita di V. Rizzi e R. Musrepova (ovvero quando il target non fa la differenza)

Leggi l'informativa su Privacy & Cookie a lato, all'interno della stessa trovi le modalità per non aderire. Se vuoi aderire è sufficiente che prendi visione e continui la navigazione sul nostro blog. Grazie

Il mondo è piccolo, il mondo è strano, il mondo è uguale, il mondo è diverso ... ci sono poche leggi in realtà che sono sufficienti alla Vita e sono uguali per tutti, tutto il resto è marketing, è spreco, è superfluo, è finto spesso dovrebbe essere vergogna!
Quante critiche ho ricevuto per come ho educato i miei figli ma qualcuno mi diceva "tua figlia è la bambina che tutti vorrebbero" e forse proprio per questo ... sai le mamme ... una mamma è sempre nuova in questo difficile mestiere!



Poche leggi uguali per tutti, poche leggi uguali per tutti che mantengono le mille diversità .. il resto è marketing, è spreco, è superfluo, è finto spesso dovrebbe essere vergogna!
Come tutti i bambini anche i miei figli hanno chiesto:
Mamma, come siamo nati?
Poveri quei bambini che non ricevono risposte alle loro domande. Qualcuno si aspetta che sia la scuola a dare tutte queste risposte. Qualcuno odia le mamme che spiegano perché poi i loro figli dicono:
Ma la mamma di ... le ha spiegato che ... perché tu non me lo vuoi/puoi spiegare?
Alcune mamme sono semplicemente in difficoltà nel rispondere a questa domanda.
Passando per una libreria che mi ritrovo a frequentare di tanto in tanto la ragazza che si occupa di letteratura infantile mi ha detto:
Guarda è arrivato da poco questo libro, l'ho preso ma lo sto valutando. Lo leggeresti ai tuoi figli?
Mi è piaciuto, l'ho comprato, adoro il sapere che passa per simboli e tradizioni. Per tanto tempo ho trovato noiose le tradizioni, ora attraverso gli albi illustrati le sto rivalutando, sto comprendendo la loro importanza. L'importanza di un'apprendimento che passa per i simboli e per gli archetipi.
Ho detto ai miei figli:
Venite leggiamo questo libro che spiega come nascono i bambini così finalmente avete una risposta chiara.
"La solita pazza" avrebbe detto qualcuno ma i miei figli si sono seduti accanto a me, mi hanno ringraziato di aver pensato di leggere loro un bel libro e abbiamo letto Vita diValentina e Raikhan:
Prima che tutto abbia inizio però,
dentro una pancia vuota,
esiste chi non si pone domande
e ha già tutte le risposte.
Oggi mi sento così, voglio vedere se in inglese suona bene lo stesso:
But before everything wakes up,
inside a big empty belly
there is someone, who does not pose questions.
Someone who knows the answers.
E allora vediamo se anche in spagnolo troviamo una via dolce:
Antes de que todo empezara, pero,
en un vientre vacío vivía ya
alguien que ni pensaba poner preguntas,
porqué tenía sus respuestas ya.
Poche leggi uguali per tutti.
Ricorda molto la genesi, il principio del principio della Vita.
Si perché in fondo la nascita non parla altro che della Vita.
Parla di una vita che viene al mondo, della vita che viene al mondo, di ogni vita che viene al mondo: uguale e diversa.
La Vita ...
Ignora gli abissi della paura
e si tiene a galla con coraggio 
La Vita ...
Non ha nulla. È nuda.
E indossa tutto l'amore dell'universo.
ed è già in viaggio da sei mesi

Parole e illustrazioni semplici e simboliche, magiche, quasi rituali. Ai miei figli è piaciuto e me lo hanno fatto rileggere più volte. Si rilassano quando leggo loro questo libro che in poche pagine, in poche parole, in poche illustrazioni spiega una Vita, la Vita, tutte le Vite.
Spiega la nascita.
L'ho letto ad altri bambini, anche loro lo hanno apprezzato e si sono rilassati, come un seme entrato nel loro cuore che li ha rassicurati sul fatto che va tutto bene, che la Vita funziona proprio così. Qualche genitore era più intimorito.

Poi, per puro caso, la stessa autrice mi contatta
Ciao sono Valentina, devo venire dalle tue parti e avrei piacere di conoscerti ...
Figuratevi la mia gioia, adoro gli autori di libri per bambini. Naturalmente comincio subito a chiederle mille cose sul suo libro e sono sorpresa quando mi sento dire
Ma io non ho scritto questo libro per bambini. Però mi fa piacere che tu lo legga loro e che lo apprezzino.
Lo so, a questo punto vi state tutti chiedendo
E per chi lo hai scritto questo libro?
Valentina mi spiega che il libro lei lo ha pensato per le puerpere, per le future mamme, con il desiderio di accompagnarle nel loro percorso di dare al mondo una Vita nuova. Vado a rileggere il libro e devo dire che in effetti sarei stata felice di leggerlo mentre ero incinta, invece di tutti quei manuali che mi sono stati regalati su come dire si, come dire no, come farlo dormire, come cambiare il pannolino, come fargli fare la cacca ... no, meglio un libro su come amare la Vita che c'è in te e che sarà una Vita, speriamo, di amore nonostante le difficoltà, di coraggio di fronte all'ignoto che esiste già dentro di noi.
Ne ho parlato con Paola, un'amica lettrice, ed ecco la terza interpretazione:
Ma non importa chi lo legge, questo libro è per tutti, parla della Vita. Va bene per le future mamme ma anche per i bambini, ma anche per i papà. Questa è la Vita.

In Costa Rica il saluto più bello ti augura proprio una Vita fortunata e così io la auguro a voi e a tutti i bambini del mondo, a partire dai feti.
¡Pura Vida!
Silvia