lunedì 6 febbraio 2017

Il segreto della Magia di Hocus & Lotus

Leggi l'informativa su Privacy & Cookie a lato, all'interno della stessa trovi le modalità per non aderire. Se vuoi aderire è sufficiente che prendi visione e continui la navigazione sul nostro blog. Grazie

Torno a parlare di bilinguismo, di apprendimento e di metodologie. Questa volta sono vestita da Magic Teacher e magicamente vi voglio portare nei segreti del metodo del Format Narrativo della prof.ssa Traute Taeschner, un metodo fatto di magia, di preparazione professionale e di trenta anni di ricerca.
In poche parole voglio provare a spiegare il segreto di Hocus & Lotus, il metodo che insegna le lingue a migliaia di bambini nel mondo.
Un metodo che apparentemente sembra essere uguale a tanti altri ma in realtà ha una caratteristica, che noi amiamo chiamare Magia, che lo contraddistingue da tutti gli altri.
A questo punto mi sembra giusto chiederci:
Che cosa vuol dire magico? Cosa significa magia nel nostro metodo?
Significa preparazione prima di tutto. Perché quando ti affidano dei bambini per svolgere un compito così difficile come insegnare una nuova lingua, bisogna essere preparati.
Bisogna sapere perché si agisce in un modo e non in un altro.
Bisogna sapere effettivamente cosa ha successo e cosa no.
Perché facciamo teatro e non utilizziamo le flash cards?
Perché facciamo vedere un cartone animato?
Perché cantiamo una canzoncina?
Quali sono i meccanismi di apprendimento  del linguaggio nei bambini?
In che modo affrontare "l'acquisizione" di una lingua?
Fate molta attenzione al fatto che ho parlato di "Acquisizione di una lingua" e non di "studio di una lingua", che sono due cose molto diverse.

Così, quando mi capita di sentire colleghe esprimere pensieri come:
Va beh, ho capito. Gesticolo mentre parlo così da far capire il significato delle parole, gli faccio vedere i cartoni animati, una letta al libro e le canzoni tutto il giorno. Tre anni di formazione mi sembra eccessivo.
Rimango sconvolta dalla superficialità e dalla irresponsabilità di alcuni adulti nei confronti dei bambini. Questo è il punto che riflette la superficialità generale di altri metodi che, generalmente, nascono da un volere prettamente commerciale. Parlo ad esempio di quei metodi che usano il franchising, dove ciò che paga il genitore è il nome (la marca) del corso e le royalties che si prende su ogni corso attivato, royalties che il docente deve dare alla casa madre per poter svolgere il corso. In questo intreccio io mi chiedo quanto costa il marchio e quanto costa la sostanza?
Insegnanti formate in tre giorni!
Ci sono mille altri metodi che funzionano meglio. 
Hocus & Lotus è un metodo che nasce dalla PsicoLinguistica, mentre normalmente la metodologia per l'apprendimento delle lingue nasce da studi che discendono dalla Linguistica, che è lo studio della lingua e non dell'apprendimento.
Segue un percorso diverso e, ovviamente, noi che lo scegliamo lo preferiamo.
L'unica metodologia che, in trenta anni di ricerca, ha dimostrato di essere valida, innovativa, funzionale, piacevole, competente.

Dietro le quinte dello scenario di Hocus & Lotus troviamo competenza pedagogica, psicologia, linguistica, attenzione al bambino ma anche al genitore.
Il metodo del Format Narrativo ideato dalla Professoressa Traute Taeschner, più comunemente conosciuto come Hocus & Lotus, vede luce all'Università degli Studi la Sapienza di Roma, all'interno di un progetto di ricerca sull'educare i bambini al bilinguismo e all'interno del progetto Socrates Lingua della Comunità Europea.

Durante gli anni '90, si è cercato di comprendere le modalità di apprendimento della seconda lingua straniera nei bambini cercando prima di colmare le lacune delle insegnanti e poi di elaborare un progetto adatto all'apprendimento della seconda lingua straniera per i bambini della scuola materna.
La prof.ssa Traute Taeschner mette in evidenza (1996) che le lingue si imparano meglio in età infantile quando le modalità di insegnamento sono adeguate all'età psico-sociale e cognitiva dei piccoli discenti e hanno una buona valenza affettiva. A seguito di questa sperimentazione, si è compresa l'esigenza proveniente dalla base e le potenzialità della scuola dell'infanzia in questo ambito di conoscenze, si è così deciso di avviare una nuova sperimentazione che rispetto alla formazione teorica a pioggia che tanto affatica gli accademici ma che non concede una metodologia alle maestre che giornalmente operano con i bambini, si è proposto un progetto in grado di fornire strategie didattiche e materiali di riferimento su cui l'insegnante avrebbe potuto costruire e ampliare creativamente il proprio modo di fare scuola. Questa richiesta si è raccordata con le ricerche condotte parallelamente presso la Cattedra di Tecniche di Osservazione del Comportamento  infantile dela Facoltà di Psicologia 1 dell'Università di Roma La Sapienza. Da poco l'Università aveva lanciato il progetto europeo Socrates-Lingua Azione D per l'elaborazione del materiale didattico e la creazione di un cartone animato di cui sono stati partner Germania, Danimarca, Portogallo, Spagna, Olanda e Francia. Contemporaneamente il Servizio Scuola Materna lancia il progetto Socrates-Lingua Azione A con l'obiettivo di diffondere il progetto in altri paesi. In questo contesto accademico-sperimentale nasce il progetto Hocus & Lotus. [Rif. T. Taeschner, L'insegnante magica, Borla Editore].

Visto l'esito importante scaturito dal progetto nato dalla ricerca per educare i bambini al bilinguismo, tra la Università La Sapienza di Roma e il Progetto Socrates Lingua della Commissione Europea la quale ultima promuove un Programma di Apprendimento Permanente, si è proseguito il cammino della ricerca per rafforzare il bilinguismo in qualsiasi condizione sociale e/o familiare. Di seguito un elenco dei progetti seguiti:

2007 - 2010 Dinotour. The DinoCrocs travel to the Balcans. Un progetto fortemente voluto da Educational Programmes Consult, Ltd di Bulgaria, dall'Università La Sapienza di Roma, dalla Fondazione Euro Ed in Romania e la partecipazione dell'Ungheria.

2010 - 2015 Bilinguismo 0-6. Un progetto della durata quinquennale in cui sono state coinvolte alcune scuole infantili di Roma per far crescere bilingui i bambini da 3 mesi a 6 anni.

2010 - 2012 BILFAM, let's become a BILingual FAMily. Un progetto biennale in cui sono state coinvolte 125 famiglie in 5 paesi europei diversi (Regno Unito, Spagna, Slovacchia, Romania, Italia)

2012 - 2015 SOFT SchOol and Family Together. Un progetto triennale approvato dalla Commissione Europea per fomentare l'integrazione sociale e scolastica dei bambini immigrati.

Magia però vuol dire anche:

 Attenzione ad ogni singolo bambino del gruppo.
Troviamo la capacità dell'insegnante di creare uno spazio-mondo magico all'interno del quale il bambino si abitua a stare felicemente in inglese.
Felicemente, specifico questa parola perché questo è lo stato di chi ha voglia di andare avanti, di crederci, di riuscire.
Il bambino con Hocus & Lotus si diverte ma attenzione:
si diverte studiando e non giocando. 
Il bambino, infatti, per quanto piccolo sia, sa che sta andando a imparare l'inglese e deve impegnarsi.
Ogni Magic Teacher ripete sempre ai suoi DinoGenitori:
Ricordate che il bambino viene qui per apprendere l'inglese e non per giocare, è importante che lui lo sappia.
E sapete che vi dico?
Più sperimento questo affascinante percorso e più mi accorgo che in realtà il bambino è felice di imparare. A qualsiasi età!
È felice di sapere che è bravo e che imparerà ma ...
non è felice di dimostrarlo a tutti i vicini di casa e i parenti che incontra.
Non è felice di essere giudicato tutto il tempo.
Non vuole essere messo sotto pressione.

Devo confessare che io sono molto esigente nei confronti dei miei DinoGenitori.
Li aggiorno sui progressi dei figli, li consiglio su cosa fare e non fare durante la settimana. Cerco di mettere sempr ein evidenza il fatto che non si può pretendere di imparare una lingua con un'ora a settimana e che maggiore è il contatto con la nuova lingua, anche in contesti diversi, con cartoni animati, libri, canzoni, viaggi all'estro, meglio è.

La memoria che serve all'apprendimento è un'altra e non è un equivalenza matematica (ovvero red = rosso).
Quella che io chiamo memoria competente e che viene usata dall'intelligenza emotiva per creare collegamenti tra parole, concetti, grammatica e ... comunicazione, è qualcosa che riguarda la relazione umana.
La relazione tra la Magic Teacher e i suoi DinoAlunni.
La relazione tra la Magic Teacher e i suoi DinoGenitori.
La relazione tra genitori e figli nel momento in cui anche a casa entrano nella DinoRelazione del magico mondo di Hocus & Lotus.
Se queste relazioni non sono magiche, l'apprendimento diventa equazione matematica con secchi pieni di parole come strumenti annessi.

C'è un'altra relazione che fa la differenza all'interno del metodo, è la buona relazione tra le Magic Teachers le quali condividono un metodo ma anche dei valori, le quali anche se in disaccordo si confrontano in uno scambio consapevole all'interno di una comunicazione magica che ha creato una Rete di Eccellenza dove non solo ci si confronta, ma anche ci si sostiene in momenti di confusione, dove anche ci si aggiorna, dove anche ci si consiglia tra noi, dove anche si inviano bambini con genitori attenti che vogliono intraprendere questo percorso con i loro figli altrove e così, quando il mio DinoAlunno da Trieste si è trasferito a Palermo, è stata mia premura cercare la Magic Teacher per lui e aggiornarla sulle sue competenze e lei si è dimostrata subito aperta e attenta alle esigenze del bambino.
E così, quando il mio DinoAlunno si è trasferito da Trieste a Palermo, in questo trasferimento importante ha saputo ritrovare e ritrovarsi in un magico mondo che lo rassicura che tutto andrà bene, che lui sarà ancora felice, che lui è ben voluto e troverà nuovi amici che condividono con lui uno stesso mondo, anche se così lontano.

Con affetto al prossimo DinoPost
Silvia